Archivio per Categoria News

VIOLENZA DI GENERE: RIPARTIAMO DALL’EDUCAZIONE AL SENSO CIVICO FRA I BANCHI DI SCUOLA

VIOLENZA DI GENERE: RIPARTIAMO DALL’EDUCAZIONE AL SENSO CIVICO FRA I BANCHI DI SCUOLA

Elena Pollari
Direttore Artemisia Onlus

Stiamo attraversando un periodo storico caratterizzato da una profonda crisi che percorre trasversalmente la nostra società, oggi fortemente colpita soprattutto dall’emergenza pandemica, ma già da tempo segnata da forti contrasti ideologici e culturali, da atteggiamenti diffusi di indifferenza, inquietudine, ansia, rassegnazione, che sfociano troppo spesso in comportamenti di prevaricazione, aggressione e violenza, fisica e psicologica.

Artemisia Onlus è attiva da più di 20 anni a sostegno della comunità, con particolare attenzione ai più fragili ed alle vittime di maltrattamenti, bullismo, mobbing e stalking;

 Artemisia Onlus, infatti, mette a disposizione, ogni anno, servizi medici, assistenziali e informativi/formativi per contribuire fattivamente alla ricostruzione di una Società più sana, più florida, più coesa e più sicura. In particolare, attraverso le risorse e le competenze della Rete Artemisia Lab, si offrono screening medici gratuiti per favorire la prevenzione sanitaria e renderla facilmente accessibile a tutti e, attraverso l’Equipe multidisciplinare Artemisia Onlus (costituita da medici, psicologi, coach, esperti in arte terapia, avvocati, docenti, ecc.), si offre assistenza gratuita psico-sociale, legale e didattica: si assicura accoglienza e ascolto nell’immediatezza (è sufficiente contattare il nostro numero verde 800 967 510, attivo e operativo h 24) programmando, laddove necessario, incontri consulenziali con il professionista più adatto alle esigenze specifiche.

Per quel che riguarda i casi di violenza di genere – situazione peraltro pesantemente aggravata, in ambito domestico, dalle recenti restrizioni sociali e dal lockdown – è rivolta grande attenzione alle donne che subiscono aggressioni e abusi, o che vivono in condizioni di sottomissione e panico, “intrappolate” da minacce o ricatti; contestualmente, si monitora il mondo maschile, cercando di supportare le coppie in crisi o di intercettare gli uomini in stato di squilibrio, rabbia o profonda frustrazione, con l’intento di intervenire per tempo e nel modo più appropriato e costruttivo.

Certamente non possono essere trascurati bambini e adolescenti, considerati piuttosto una priorità; Artemisia Onlus mantiene costantemente lo sguardo rivolto alle nuove generazioni; ci prendiamo carico soprattutto di coloro che rivelano un vissuto traumatico, carenze affettive, problematiche relazionali, difficoltà di apprendimento, di concentrazione, di autoaffermazione, ecc.

Inoltre ci dedichiamo sistematicamente alla formazione ed alla educazione a supporto delle famiglie e della scuola; sono stati infatti predisposti, e già avviati da tempo, percorsi di formazione medico-scientifica e di responsabilità sociale per i giovani, con programmi integrati, lezioni e condivisioni esperienziali gestiti completamente da Artemisia Onlus; tali incontri prevedono il coinvolgimento del personale scolastico e dei genitori, per opportuno allineamento sui messaggi educativi e sui metodi di insegnamento. Abbiamo voluto rinnovare e riformulare l’approccio didattico, ripartendo dall’educazione al senso civico, al rispetto per la vita e per la propria identità, rispetto del prossimo e dell’altrui identità, rispetto del bene comune e dell’ambiente, dando voce e attenzione alle esperienze ed al punto di vista degli studenti, resi protagonisti dei comizi e dei dibattiti, naturalmente con scrupolosa attenzione alla privacy, alla sensibilità ed alle esigenze di ciascuno. Si propongono, ad esempio, corsi di educazione sessuale, con approfondimento sulle Malattie Sessualmente Trasmissibili, corsi sulle tossicodipendenze e sui danni alla salute da abuso di alcol e tabagismo, iniziative didattiche sugli stili di vita sani e corretti che tutelino la salute e la sicurezza del singolo e della collettività, iniziative di sensibilizzazione al riconoscimento del merito – non solo per coloro che dimostrino talento o impegno nello studio, ma anche per chi scelga di porsi con il prossimo in modo rispettoso, leale e altruistico – e riflessioni che promuovano la cultura della solidarietà, dell’inclusione e dell’integrazione. Tali ambiti di formazione ed educazione, a nostro avviso, dovrebbero essere considerati gli elementi cardine del percorso evolutivo di ogni fanciullo, sin dai primi anni di vita, in famiglia come a scuola.

Artemisia Onlus, inoltre, è costantemente impegnata a favorire la cooperazione ed il lavoro di squadra con altri enti ed organizzazioni che perseguano scopi analoghi ai propri, e a creare un lavoro sinergico con le Istituzioni; ciò al fine di comunicare e divulgare in maniera più efficace le opportunità di sostegno esistenti sul territorio ed i messaggi deontologici, di estendere ed intensificare i servizi benefici e di incentivare all’adozione di nuovi provvedimenti, misure e norme per contrastare gli atti violenza e sopruso, cercando di agire in maniera preventiva oltre che correttiva.

 Per ricostruire una Società virtuosa è necessario investire sulle nuove generazioni; è indispensabile prendersi cura innanzi tutto dei bambini e degli adolescenti e con essi entrare in sintonia; bisogna pazientemente dedicare loro tempo ed energie positive, formarli ed educarli al meglio, cogliere le ragioni di eventuali disagi o vulnerabilità, aiutarli a superare le fragilità e valorizzare i loro talenti; è necessario – evitando invasioni psicologiche – sorvegliare, guidare, motivare, dare l’esempio, incoraggiare, trasmettere ottimismo ed incentivare la libera espressione ed il confronto costruttivo.

A nostro avviso, unire le forze e impostare un grande lavoro di squadra è il segreto del successo, in ogni ambito: Artemisia Onlus auspica la nascita di una rete di entità in coesione e cooperazione, in cui famiglie, istituzioni, enti, associazioni e singoli cittadini dialoghino, collaborino e si sostengano, uniti dal comune proposito di consentire ai futuri uomini e alle future donne di mantenere l’equilibrio mentale e conquistare autostima, indipendenza intellettuale e serenità, condizioni indispensabili per il benessere dell’individuo, per una armoniosa convivenza sociale e per la piena affermazione dei diritti di tutti.

LA MEDICINA INCONTRA LO SPORT

La stagione autunnale si è aperta con l’evento “Padel e Salute”, ideata e organizzata dal Prof. Stefano Arcieri presidente dell’Associazione Culturale “Capire per Prevenire”.Questa manifestazione è stata fortemente voluta dall’Università di Roma “Sapienza” e dall’Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I Roma, e si è avvalsa della partecipazione attiva di Artemisia Onlus.

Giunta alla sua terza edizione, partita il 4 ottobre,  la campagna di prevenzione e sensibilizzazione a favore della salute del cittadino attraverso lo sport, ha coinvolto otto circoli sportivi di Padel operanti nella Capitale – Juvenia Sporting Club, Forum Sport Center, Palaloca Padel Club, Villa Pamphili Padel, Joy Padel Club, Red Padel Roma, Padel Star Talenti, Orange Sporting Club – che hanno messo a disposizione le loro strutture per  un torneo amatoriale FITPRA  maschile e femminile dove  Padelisti e Padeliste si sono sfidati con l’intento di sensibilizzare alla prevenzione medica e ribadire quanto lo sport sia un volano imprescindibile per la salute e il benessere.

Gli otto finalisti e le otto finaliste dei circoli si sono dati poi appuntamento per la sfida finale al circolo sportivo di “Sapienza Sport” che ha ospitato la giornata conclusiva dell’evento il 17 ottobre 2021.

Nella 15 giorni dedicati alla prevenzione medica, presso i locali del presidio ospedaliero G. Eastman di Roma, professionisti della medicina e chirurgia del Policlinico Umberto I di Roma si sono messi a disposizione gratuitamente, effettuando check-up e visite specialistiche, nell’ambito di diverse branche mediche, agli oltre 600 cittadini che ne hanno fatto richiesta.

Anche la prossimità sociale è stata protagonista nella giornata conclusiva dell’evento presso il circolo sportivo “Sapienza Sport” di Tor di Quinto, con la partecipazione dell’AIPD – Associazione Italiana Persone Down di Roma – e di un gruppo di ragazzi e ragazze, anche loro affezionati al Padel, che hanno giocato sui campi messi a loro disposizione.

L’ AIPD nasce a Roma nel 1979 da un piccolo gruppo di famiglie che si riuniscono per affrontare insieme le problematiche legate alla nascita di un bambino con sindrome di Down*.  Oggi, con 55 sezioni presenti su tutto il territorio nazionale, l’AIPD si pone quale punto di riferimento per le famiglie e gli operatori socio sanitari e scolastici.

La sezione AIPD di Roma conta circa 300 famiglie che si impegnano quotidianamente, insieme a personale qualificato e volontari per la scuola, per il diritto al lavoro, all’autonomia e all’inclusione delle persone con sindrome di Down. L’impegno, non solo a livello associativo ma anche presso le Istituzioni, contribuisce a diffondere una cultura dell’inclusione perché la diversità rappresenta un’enorme ricchezza per tutti. L’impegno per l’autonomia, l’inclusione sociale, l’avviamento al lavoro ed il dopo di noi delle persone con Sindrome di Down diventa sempre più importante con l’aumento dell’aspettativa di vita in costante crescita.

Operando a fianco delle fasce più bisognose, all’interno di Artemisia Onlus è cresciuta sempre più la consapevolezza che lo stato di benessere di una persona sia strettamente legato al sua condizione fisica, economica e sociale.

In occasione dell’evento “Padel e salute”, Artemisia Onlus, con la partecipazione diretta della Presidente, Dr.ssa Mariastella Giorlandino, ha voluto inoltre dare il proprio contributo offrendo check-up gratuiti alle persone con sindrome di Down dell’associazione AIPD di Roma ospiti dell’iniziativa.

*La sindrome di Down è una condizione genetica caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in più nelle cellule di chi ne è portatore: invece di 46 cromosomi nel nucleo di ogni cellula ne sono presenti 47, vi è cioè un cromosoma in più nella coppia identificata con il numero 21; da qui anche il termine Trisomia 21. Genetico non vuoi dire ereditario, infatti nel 98% dei casi la sindrome di Down non è ereditaria. La conseguenza di questa alterazione cromosomica è una forma di disabilità caratterizzata da un variabile grado di ritardo nello sviluppo mentale, fisico e motorio.

Fonte: www.coordown.it
www.aipdroma.it
www.padeleesalute.it
www.artemisiaonlus.it

o.

Il futuro della medicina dello sport: approccio multidisciplinare e lavoro di squadra

Lo scorso 07 luglio 2021, alle porte dei Giochi della XXXII Olimpiade, noti come Tokyo 2021, si è tenuta la diretta streaming del CORSO ECM DI FAD dal titolo “IL FUTURO della MEDICINA DELLO SPORT: approccio multidisciplinare e lavoro di squadra”,

Continua a leggere

Artemisia onlus, Lettera 150, Vite senza paura Onlus e Zonta Palermo Zyz

promuovono un webinar di discussione sulla transizione ad una società non violenta. Piattaforma zoom ore 6 p.m. 27 novembre 2020

L’incontro con docenti ed esperti internazionali nasce dalla necessità di costruire una nuova cultura del RISPETTO, voluto fortemente dal gruppo di lavoro di Lettera 150 per. Per liberarsi dalle catene dell’attuale dominante logica della violenza è necessario far ritorno ai principi fondamentali dell’esistenza umana in cui la libertà dialoga con il rispetto, il futuro col passato, la società con la storia, l’io con l’altro.

Le istituzioni, la struttura giuridica del nostro ordinamento, la comunicazione, la politica allora devono essere mossi da un’uniforme ed elegante idea di ‘azioni per’.

Intendiamo giungere alla sottoscrizione di un Protocollo d’intesa per la fondazione di un organismo non governativo internazionale per costruire una società non violenta.

 ****

La modifica del contesto è fondamentale per permettere la creazione di una nuova realtà.

Il punto di partenza da cui muovere è la creazione di una cultura con la prospettiva di una realtà senza violenze e di azioni che siano coerenti con una mentalità non violenta.

Riteniamo che, nell’epoca della rete, anche una sola azione posta in essere da alcune persone sia determinante per innescare un movimento positivo che sia in condizione di  spingere le forze positive verso l’eliminazione delle violenze sui soggetti più deboli delle società.

Ed è necessario innescare tale movimento positivo sia negli ordinamenti già consolidati che, tuttavia appaiono stanchi e perdono di vista spesso i principi ed i valori fondativi sia in quelli che sono caratterizzati dalla irruenza delle singole componenti ancora non armonizzate, proprio perché più giovani ed in formazione.

The meeting with international teachers and experts born  by necessity  to build a new culture of RESPECT strongly desired by the working group of Lettera 150 to. To break free from the chains from the current dominant logic of violence, it is necessary to back to fundamental principles of human existence, according to freedom dialogues with respect, the future with the past, society with history, the self with the other.

Institutions, the legal structure of our legal system, communication, politics must then be moved by a uniform and elegant idea of ‘actions for’.

We intend to reach the signing of agreement to found an international NGO to build non-violent society.

 ****

Changing the context is crucial to allow the creation of a new reality.

The starting point is creation a culture  with the perspective of a reality without violence and of coherent  actions with a non-violent mentality.

We believe, in the time of the network, even an only action taken by some people can push positive forces towards the elimination of violence against the weakest in society.

And it is necessary to create this positive movement both in the already consolidated legal systemswhich, however, appear tired and often lose sight of the founding principles and values both in those that are characterized by the impetuousness of the individual components not yet harmonized, because of youth  and unstructured.

…………

webinar

introduction: prof.  Giuseppe Valditara, president Association Lettera 150.

greetings: Maria Stella  Giorlandino, president Association Artemisia onlus ,  Maria Grazia Cucinotta, president Association  Vite senza paura onlus.

***

Conference coordinator: Paolo Branchini, universitary researcher INFN – Health care –  Roma Tre University, Rome.

***

speakers of conference

 

Cons. Solveig Cogliani – judge of the Council of State –  coordinator of the working group ‘the respect’ for Letter 150, The culture of respect, proposed for the introduction of respect education.

Prof. Maria D’Arienzo – professor of Ecclesiastical and Canon law – “Federico II” University – Naples – Respect as an instrument of dialogue between cultures and religions.

Prof. Céline Merheb – Senior Lecturer Human rights American University of technology, Lebanon – The protection of human rights: the experience in Lebanon.

Prof. Derek Bousè, associate professor and dean, Faculty of Arts and Humanities, Lebanon – the role of the media.

Prof. Carla Andreani – professor of Applied Physics, Tor Vergata University – Rome –  Art meets science.

Prof. Piero Paolo Rivello – adjunct professor at SUISS – Special Educational Structure in Strategic Sciences – University of Turin – The Italian experience: the protection of women and minors in the Italian criminal system. Reform proposals.

Cons. Anna Maria Gregori –  judge  at the Court of Rome –
family violence/ bullying / mobbing: common aspects and prospects for protection

Pres. Natasa Milojevic MA Political Science, Executive director FOSDI (Fund for Social and Democratic Inititative) – Health emergency and protection of democracy.

***

Conclude: Dr. Maria Giambruno – president  Zonta Club Palermo  – Zyz – Journalist, Head of the Press Office of the Regional Councilor for Cultural Heritage and Sicilian Identity  –

Identity and language as tools of change. The Sicily model.

Prof. Francesca Vitolo – professor Faculty of Arts and Humanities, Lebanon – translation support.

Gli interventi avranno una durata di circa dieci minuti e ciascun relatore potrà decider se intervenire in italiano o in inglese. Gli atti saranno pubblicati tutti con traduzione in lingua inglese.

————————————–

Topic: Transition to violence free society

Time: Nov 27, 2020 05:30 PM Rome

Join Zoom Meeting

https://us02web.zoom.us/j/89397200703?pwd=MERwVGg3NW0zV2U1d2N5TWQraDlrZz09

Meeting ID: 893 9720 0703

Passcode: 23456

——————————-

www.artemisiaonlus.it

www.lettera150.it

www.vitesenzapaura.org

GIORNATA INTERNAZIONALE PER I DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA

Il 20 novembre si celebra la Giornata Mondiale dei Diritti dei Bambini. Nello stesso giorno, nel 1959, l’Assemblea generale dell’ONU adottava la Dichiarazione dei diritti del fanciullo e successivamente, nel 1989, la Convenzione sui diritti del fanciullo, riconoscendo a tutti i bambini del mondo la tutela e la protezione dei diritti fondamentali: il diritto alla vita, alla salute, all’istruzione e al gioco, così come il diritto alla famiglia, alla protezione dalla violenza, alla non discriminazione e all’ascolto della loro opinione. L’Associazione Artemisia Onlus promuove e sostiene le iniziative e l’impegno di coloro che operano per la diffusione di una cultura di tutela e protezione dei diritti dei più piccoli… per porre fine agli orrori della guerra, alle disuguaglianze sociali, alla povertà infantile… affinché in tutti i Paesi del mondo si possa costruire un futuro senza disuguaglianze.

Esame sierologico anti-covid: simona izzo e ricky tognazzi in artemisia lab

Simona Izzo e Ricky Tognazzi presso Artemisia Lab, parlano dell'esame sierologico per la ricerca degli anticorpi anti-Covid 19.

Non sei sola

Violenza sulle donne

L’Associazione Artemisia Onlus ha realizzato, già da circa 4 anni, un progetto di assistenza legale, sanitaria e psico-sociale denominato “COESIONE”, con l’obiettivo indefettibile di porgere aiuto al nucleo familiare e di assicurare un efficace, serio e compiuto sostegno alle vittime di violenza, stalking, mobbing e bullismo, proprio nel periodo storico disgregante nel quale scorre la vita quotidiana.

Una equipe di specialisti multidisciplinare è costantemente a disposizione per sostenere la Famiglia in crisi durante il duro periodo della separazione, o la Famiglia che voglia semplicemente confrontarsi con alcuni esperti a cui poter fare riferimento per prevenire eventuali future incomprensioni o difficoltà, mantenendo in equilibrio gli aspetti interni al nucleo affettivo, oppure a supporto delle coppie che desiderino costituire una Famiglia nuova. 

Ma non solo: tutti coloro che vivono stati di crisi, di smarrimento o di paura perché subiscono o rischiano di subire atti di aggressione o violenza, possono contattare in qualsiasi momento il Servizio COESIONE Artemisia Onlus e ricevere sostegno nell’immediato: la consulenza integrata di più esperti con competenze diverse che, sinergicamente, si interfacciano offre validi strumenti di risoluzione del problema, tenendo conto di tutte le molteplici cause e conseguenze ad esso connesse.

Si può contare su una consulenza medica, legale e psico-sociale rivolta a Famiglie tradizionali, Famiglie di fatto, Famiglie allargate, Monoparentali, Interetniche, Adottive, Affidatarie ed Omo-parentali, futuri Sposi e futuri Genitori.

E’ sufficiente chiamare il numero verde  800 967 510

Si potrà partecipare a vere e proprie tavole rotonde attraverso le quali si potrà contare su una consulenza integrata e completa di più professionisti con competenze diverse (Avvocati, Psicoterapeuti, Medici specialisti, Mediatori familiari) che, sinergicamente, si interfacciano per offrire strumenti di risoluzione del problema a 360 gradi.

Attraverso il numero verde Artemisia Onlus 800 967 510 una esperta accoglie l’utenza e fornisce supporto immediato. Si avrà facilmente la possibilità di presentarsi, condividere le esigenze ed accedere al percorso di consulenza adeguato.

INOLTRE

l’Associazione Artemisia Onlus, e l’Associazione Vite Senza Paura Onlus, ciascuna nell’ambito delle proprie competenze, in considerazione della loro comunità di intenti, hanno scelto di unire le forze e di impegnarsi a collaborare nell’ambito delle attività benefiche di ascolto e sostegno legale e psicosociale rivolte a donne e uomini, bambini ed anziani vittime di violenza.

ARTEMISIA LAB e ARTEMISIA ONLUS per “A BEAUTIFUL DAY” (Family Welcome e L’Oreal)

La Rete di centri clinici diagnostici Artemisia Lab, con le sue 17 strutture capillarmente distribuite su territorio romano, si può definire un “porto sicuro” per l’accoglienza, l’assistenza e le cure mediche di tutta la famiglia. Una Rete di Laboratori e Poliambulatori dove si può approdare anche il sabato e la domenica ed anche nel mese di agosto.  La Rete Artemisia Lab offre servizi sanitari di eccellente qualità, attraverso una equipe medica di specialisti esperti, nell’ambito di tutte le branche sanitarie, assicurando l’uso di strumenti di diagnostica di ultima generazione, rimanendo sempre nel giusto rapporto qualità-prezzo.

 La Rete Artemisia Lab, inoltre, attraverso la sua Associazione Artemisia Onlus, promuove la cultura della prevenzione sanitaria e della educazione e formazione continua.

OBIETTIVI della partecipazione Artemisia Lab e Artemisia Onlus all’evento

Artemisia Lab e Artemisia Onlus considerano la salute ed il benessere psichico aspetti fortemente connessi: “star bene” significa contemporaneamente sentirsi in forma e sentirsi adeguato al contesto familiare e sociale. Pertanto se si vuole fornire un servizio sanitario davvero completo ed efficace è necessario considerare la “cura” come un’attenzione scrupolosa al complessivo stato della persona.

Artemisia Lab e Artemisia Onlus, incentrando l’attenzione sul miglioramento della qualità della vita delle famiglie e, in questo caso specifico, delle Donne e delle Mamme, dedica all’evento “A beautiful day” servizi sanitari e consulenziali con approccio olistico, in grado accompagnare la persona verso il benessere psicofisico completo. In particolare saranno offerti gratuitamente:

·        sedute di osteopatia per adulti (Dott. Andrea Poletti)

·        valutazioni posturali per bambini e adolescenti (Dott. Andrea Poletti)

·        trattamento estetico di peeling superficiale (Dott.ssa Francesca Scaglioso)

·        consulenza di medicina estetica (Dott.ssa Francesca Scaglioso)

·        consulenza su patologie linfatiche (Prof.ssa Chiara Buldrini)

·        consulenza nutrizionale finalizzata al benessere e antiaging (Dott. Antonio Di Mauro)

·        coaching sul controllo dello stress, consulenze per meglio affrontare tensioni e/o difficoltà personali o relazionali (Dr.ssa Chiara Quintavalle)