VIOLENZA DI GENERE: RIPARTIAMO DALL’EDUCAZIONE AL SENSO CIVICO FRA I BANCHI DI SCUOLA

Elena Pollari
Direttore Artemisia Onlus

Stiamo attraversando un periodo storico caratterizzato da una profonda crisi che percorre trasversalmente la nostra società, oggi fortemente colpita soprattutto dall’emergenza pandemica, ma già da tempo segnata da forti contrasti ideologici e culturali, da atteggiamenti diffusi di indifferenza, inquietudine, ansia, rassegnazione, che sfociano troppo spesso in comportamenti di prevaricazione, aggressione e violenza, fisica e psicologica.

Artemisia Onlus è attiva da più di 20 anni a sostegno della comunità, con particolare attenzione ai più fragili ed alle vittime di maltrattamenti, bullismo, mobbing e stalking;

 Artemisia Onlus, infatti, mette a disposizione, ogni anno, servizi medici, assistenziali e informativi/formativi per contribuire fattivamente alla ricostruzione di una Società più sana, più florida, più coesa e più sicura. In particolare, attraverso le risorse e le competenze della Rete Artemisia Lab, si offrono screening medici gratuiti per favorire la prevenzione sanitaria e renderla facilmente accessibile a tutti e, attraverso l’Equipe multidisciplinare Artemisia Onlus (costituita da medici, psicologi, coach, esperti in arte terapia, avvocati, docenti, ecc.), si offre assistenza gratuita psico-sociale, legale e didattica: si assicura accoglienza e ascolto nell’immediatezza (è sufficiente contattare il nostro numero verde 800 967 510, attivo e operativo h 24) programmando, laddove necessario, incontri consulenziali con il professionista più adatto alle esigenze specifiche.

Per quel che riguarda i casi di violenza di genere – situazione peraltro pesantemente aggravata, in ambito domestico, dalle recenti restrizioni sociali e dal lockdown – è rivolta grande attenzione alle donne che subiscono aggressioni e abusi, o che vivono in condizioni di sottomissione e panico, “intrappolate” da minacce o ricatti; contestualmente, si monitora il mondo maschile, cercando di supportare le coppie in crisi o di intercettare gli uomini in stato di squilibrio, rabbia o profonda frustrazione, con l’intento di intervenire per tempo e nel modo più appropriato e costruttivo.

Certamente non possono essere trascurati bambini e adolescenti, considerati piuttosto una priorità; Artemisia Onlus mantiene costantemente lo sguardo rivolto alle nuove generazioni; ci prendiamo carico soprattutto di coloro che rivelano un vissuto traumatico, carenze affettive, problematiche relazionali, difficoltà di apprendimento, di concentrazione, di autoaffermazione, ecc.

Inoltre ci dedichiamo sistematicamente alla formazione ed alla educazione a supporto delle famiglie e della scuola; sono stati infatti predisposti, e già avviati da tempo, percorsi di formazione medico-scientifica e di responsabilità sociale per i giovani, con programmi integrati, lezioni e condivisioni esperienziali gestiti completamente da Artemisia Onlus; tali incontri prevedono il coinvolgimento del personale scolastico e dei genitori, per opportuno allineamento sui messaggi educativi e sui metodi di insegnamento. Abbiamo voluto rinnovare e riformulare l’approccio didattico, ripartendo dall’educazione al senso civico, al rispetto per la vita e per la propria identità, rispetto del prossimo e dell’altrui identità, rispetto del bene comune e dell’ambiente, dando voce e attenzione alle esperienze ed al punto di vista degli studenti, resi protagonisti dei comizi e dei dibattiti, naturalmente con scrupolosa attenzione alla privacy, alla sensibilità ed alle esigenze di ciascuno. Si propongono, ad esempio, corsi di educazione sessuale, con approfondimento sulle Malattie Sessualmente Trasmissibili, corsi sulle tossicodipendenze e sui danni alla salute da abuso di alcol e tabagismo, iniziative didattiche sugli stili di vita sani e corretti che tutelino la salute e la sicurezza del singolo e della collettività, iniziative di sensibilizzazione al riconoscimento del merito – non solo per coloro che dimostrino talento o impegno nello studio, ma anche per chi scelga di porsi con il prossimo in modo rispettoso, leale e altruistico – e riflessioni che promuovano la cultura della solidarietà, dell’inclusione e dell’integrazione. Tali ambiti di formazione ed educazione, a nostro avviso, dovrebbero essere considerati gli elementi cardine del percorso evolutivo di ogni fanciullo, sin dai primi anni di vita, in famiglia come a scuola.

Artemisia Onlus, inoltre, è costantemente impegnata a favorire la cooperazione ed il lavoro di squadra con altri enti ed organizzazioni che perseguano scopi analoghi ai propri, e a creare un lavoro sinergico con le Istituzioni; ciò al fine di comunicare e divulgare in maniera più efficace le opportunità di sostegno esistenti sul territorio ed i messaggi deontologici, di estendere ed intensificare i servizi benefici e di incentivare all’adozione di nuovi provvedimenti, misure e norme per contrastare gli atti violenza e sopruso, cercando di agire in maniera preventiva oltre che correttiva.

 Per ricostruire una Società virtuosa è necessario investire sulle nuove generazioni; è indispensabile prendersi cura innanzi tutto dei bambini e degli adolescenti e con essi entrare in sintonia; bisogna pazientemente dedicare loro tempo ed energie positive, formarli ed educarli al meglio, cogliere le ragioni di eventuali disagi o vulnerabilità, aiutarli a superare le fragilità e valorizzare i loro talenti; è necessario – evitando invasioni psicologiche – sorvegliare, guidare, motivare, dare l’esempio, incoraggiare, trasmettere ottimismo ed incentivare la libera espressione ed il confronto costruttivo.

A nostro avviso, unire le forze e impostare un grande lavoro di squadra è il segreto del successo, in ogni ambito: Artemisia Onlus auspica la nascita di una rete di entità in coesione e cooperazione, in cui famiglie, istituzioni, enti, associazioni e singoli cittadini dialoghino, collaborino e si sostengano, uniti dal comune proposito di consentire ai futuri uomini e alle future donne di mantenere l’equilibrio mentale e conquistare autostima, indipendenza intellettuale e serenità, condizioni indispensabili per il benessere dell’individuo, per una armoniosa convivenza sociale e per la piena affermazione dei diritti di tutti.