La stagione autunnale si è aperta con l’evento “Padel e Salute”, ideata e organizzata dal Prof. Stefano Arcieri presidente dell’Associazione Culturale “Capire per Prevenire”.Questa manifestazione è stata fortemente voluta dall’Università di Roma “Sapienza” e dall’Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I Roma, e si è avvalsa della partecipazione attiva di Artemisia Onlus.

Giunta alla sua terza edizione, partita il 4 ottobre,  la campagna di prevenzione e sensibilizzazione a favore della salute del cittadino attraverso lo sport, ha coinvolto otto circoli sportivi di Padel operanti nella Capitale – Juvenia Sporting Club, Forum Sport Center, Palaloca Padel Club, Villa Pamphili Padel, Joy Padel Club, Red Padel Roma, Padel Star Talenti, Orange Sporting Club – che hanno messo a disposizione le loro strutture per  un torneo amatoriale FITPRA  maschile e femminile dove  Padelisti e Padeliste si sono sfidati con l’intento di sensibilizzare alla prevenzione medica e ribadire quanto lo sport sia un volano imprescindibile per la salute e il benessere.

Gli otto finalisti e le otto finaliste dei circoli si sono dati poi appuntamento per la sfida finale al circolo sportivo di “Sapienza Sport” che ha ospitato la giornata conclusiva dell’evento il 17 ottobre 2021.

Nella 15 giorni dedicati alla prevenzione medica, presso i locali del presidio ospedaliero G. Eastman di Roma, professionisti della medicina e chirurgia del Policlinico Umberto I di Roma si sono messi a disposizione gratuitamente, effettuando check-up e visite specialistiche, nell’ambito di diverse branche mediche, agli oltre 600 cittadini che ne hanno fatto richiesta.

Anche la prossimità sociale è stata protagonista nella giornata conclusiva dell’evento presso il circolo sportivo “Sapienza Sport” di Tor di Quinto, con la partecipazione dell’AIPD – Associazione Italiana Persone Down di Roma – e di un gruppo di ragazzi e ragazze, anche loro affezionati al Padel, che hanno giocato sui campi messi a loro disposizione.

L’ AIPD nasce a Roma nel 1979 da un piccolo gruppo di famiglie che si riuniscono per affrontare insieme le problematiche legate alla nascita di un bambino con sindrome di Down*.  Oggi, con 55 sezioni presenti su tutto il territorio nazionale, l’AIPD si pone quale punto di riferimento per le famiglie e gli operatori socio sanitari e scolastici.

La sezione AIPD di Roma conta circa 300 famiglie che si impegnano quotidianamente, insieme a personale qualificato e volontari per la scuola, per il diritto al lavoro, all’autonomia e all’inclusione delle persone con sindrome di Down. L’impegno, non solo a livello associativo ma anche presso le Istituzioni, contribuisce a diffondere una cultura dell’inclusione perché la diversità rappresenta un’enorme ricchezza per tutti. L’impegno per l’autonomia, l’inclusione sociale, l’avviamento al lavoro ed il dopo di noi delle persone con Sindrome di Down diventa sempre più importante con l’aumento dell’aspettativa di vita in costante crescita.

Operando a fianco delle fasce più bisognose, all’interno di Artemisia Onlus è cresciuta sempre più la consapevolezza che lo stato di benessere di una persona sia strettamente legato al sua condizione fisica, economica e sociale.

In occasione dell’evento “Padel e salute”, Artemisia Onlus, con la partecipazione diretta della Presidente, Dr.ssa Mariastella Giorlandino, ha voluto inoltre dare il proprio contributo offrendo check-up gratuiti alle persone con sindrome di Down dell’associazione AIPD di Roma ospiti dell’iniziativa.

*La sindrome di Down è una condizione genetica caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in più nelle cellule di chi ne è portatore: invece di 46 cromosomi nel nucleo di ogni cellula ne sono presenti 47, vi è cioè un cromosoma in più nella coppia identificata con il numero 21; da qui anche il termine Trisomia 21. Genetico non vuoi dire ereditario, infatti nel 98% dei casi la sindrome di Down non è ereditaria. La conseguenza di questa alterazione cromosomica è una forma di disabilità caratterizzata da un variabile grado di ritardo nello sviluppo mentale, fisico e motorio.

Fonte: www.coordown.it
www.aipdroma.it
www.padeleesalute.it
www.artemisiaonlus.it

o.